Scelte dell’8, 5 e 2 per mille dell’Irpef 2021 - Che cos'è

621af29360685f88fae4c26f96ed9d8c_XL

I contribuenti possono utilizzare una scheda unica per la scelta della destinazione dell’8, del 5 e del 2 per mille dell’Irpef.

Il contribuente può destinare:
l’8 per mille del gettito Irpef allo Stato oppure a un’Istituzione religiosa
il 5 per mille dell’Irpef a determinate finalità di interesse sociale
il 2 per mille della propria Irpef in favore di un partito politico il 2 per mille della propria Irpef in favore di una associazione culturale.

Le scelte, che non sono in alcun modo alternative tra loro e possono, pertanto, essere tutte espresse, non determinano maggiori imposte dovute.

I contribuenti esonerati dall’obbligo di presentazione della dichiarazione possono effettuare le scelte per la destinazione dell’8, del 5 e del 2 per mille dell’Irpef, presentando la scheda, in busta chiusa, entro il 30 novembre 2021: allo sportello di un ufficio postale che provvederà a trasmettere la scelta all’Amministrazione finanziaria.

Il servizio di ricezione della scheda da parte degli uffici postali è gratuito. L’ufficio postale rilascia un’apposita ricevuta a un intermediario abilitato alla trasmissione telematica (professionista, Caf, ecc.).

Quest’ultimo deve rilasciare, anche se non richiesta, una ricevuta attestante l’impegno a trasmettere la scelta.

Gli intermediari hanno facoltà di accettare la scheda e possono chiedere un corrispettivo per l’effettuazione del servizio prestato direttamente attraverso i servizi telematici dell’Agenzia.

La busta da utilizzare per la presentazione della scheda deve recare l’indicazione “Scheda per le scelte della destinazione dell’otto, del cinque e del due per mille dell’Irpef”, il codice fiscale, il cognome e nome del contribuente.

La scheda deve essere integralmente presentata anche se è stata espressa soltanto una delle scelte consentite (8, 5 o 2 per mille dell’Irpef).

Agenzia delle Entrate