Esenzione Imu aree fabbricabili solo per imprenditori agricoli

GiovaniAgricoltori

La legge di Bilancio 2020 (L. 160 del 27.12.2019) ha previsto che le aree fabbricabili possedute e condotte da imprenditori agricoli professionali (Iap) o coltivatori diretti (Cd), iscritti alla previdenza agricola, se adibite all’utilizzo agro-silvo-pastorale,sono tassate come terreni agricoli.

•Pertanto, se si considera che i terreni agricoli posseduti da Iap e Cd sono da sempre esenti da imposta, si può dedurre che tale equiparazione comporta all’esenzione Imu delle aree fabbricabili.
•Tuttavia, occorre considerare che le agevolazioni di uno dei soggetti passivi non possono estendersi agli altri comproprietari che non presentino i requisiti di legge. L’effetto di tale previsione è che in caso di comproprietà tra più contribuenti, dei quali solo alcuni sono soggetti Iap ocoltivatori diretti, per tutti gli altri il bene sarà tassato come area fabbricabile.
•La sfera applicativa dell’agevolazione, dunque, si riduce sensibilmente.

L’obbligo di pagamento dell’imposta per i contribuenti non agricoltori dovrebbe decorrere solo dal saldo di dicembre poiché alla scadenza di giugno si verserà la metà di quanto corrisposto nel 2019.