Auto aziendale:cambiano i fringe benefit per i dipendenti nella finanziaria 2020

Incentivi-auto-2019-modelli-più-convenienti-e-importo-sconto-ok

Nella Legge di bilancio 2020 è contenuta una norma che rimodula i benefits connessi con le auto aziendali.

Il contenuto della disposizione al momento non è noto, in quanto dopo l'uscita del testo del disegno di Legge bollinato dalla Ragioneria Generale, le proteste sono state così tante che il Governo è allo studio per trovare soluzioni alternative.
Ma perchè tante proteste? Andiamo con ordine.
In base alla norma attuale, gli autoveicoli i motocicli e i ciclomotori concessi in uso promiscuo (cioè per cose e persone) concorrono a formare il reddito da assoggettare a tassazione IRPEF e addizionali nonchè alla previdenza, per un valore pari al 30 per cento dell'importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di 15 mila chilometri calcolato sulla base del costo chilometrico di esercizio desumibile dalle tabelle nazionali che l'ACI (Automobile club d'Italia) deve elaborare entro il 30 novembre di ciascun anno e comunicare al Ministero delle finanze che provvede alla pubblicazione entro il 31 dicembre.

Questo valore viene calcolato al netto degli ammontari eventualmente trattenuti al dipendente. Ricapitolando finora, si è pagato su 4.500 km (15.000 km convenzionali ACI per il 30%) mentre la Legge di bilancio vorrebbe eliminare la percentuale del 30% prevedendo il pagamento sui 15.000 km convenzionali per alcune categorie di automobili più inquinanti.
In particolare, l'articolo 78 del DDL della manovra 2020 interviene sulla percentuale dell'ammontare risultante dalle tabelle ACI che concorre alla determinazione della base imponibile ai fini IRPEF del reddito ritraibile dall'auto aziendale e le percentuali, in base alla bozza sarebbero:
• del 30% per i veicoli a trazione elettrica, per i veicoli ibridi e per tutti i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti addetti alla vendita di agenti e rappresentanti di commercio;
• del 60% per le auto a basse emissioni di CO2
• del 100% per le auto inquinanti.

La disposizione confermava la vigente disciplina in merito agli autoveicoli, motocicli e ciclomotori concessi in uso promiscuo agli agenti e rappresentanti di commercio, nonché per quelli a trazione elettrica e a trazione ibrida termoelettrica (per i quali resta la vigente disciplina, per quale si assume come reddito del lavoratore il 30% dell'importo corrispondente ad una percorrenza convenzionale di 15.000 chilometri).
Insorge il mondo automotive, e le categorie di settore, così per sapere cosa veramente vorrà fare il Governo occorre attendere gli sviluppi.